RESIDENZE KATE | OPEN LAB (TRF2019) - Tempo Reale

Iscriviti alla newsletter



    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa sulla Privacy che dichiaro di aver letto e compreso.


    Tempo Reale/Rassegne /RESIDENZE KATE | OPEN LAB (TRF2019)

    RESIDENZE KATE | OPEN LAB (TRF2019)

    RESIDENZE KATE | OPEN LAB (TRF2019)

    TEMPO REALE FESTIVAL 2019 – suoni e musica di ricerca
    BORDERSCAPE, Z

    30 novembre – Palazzina Reale SMN, ore 18.30
    ► RESIDENZE KATE | OPEN LAB
    Presentazioni a cura di artisti sonori residenti

    1. Giovanni Lami
    Nastro magnetico e dispositivi digitali

    2. Riccardo La Foresta
    Drummophone, grancasse

    I due artisti, tra i maggiori esponenti italiani di una nuova generazione di sperimentatori del suono, presenteranno in concerto il lavoro sviluppato nel periodo trascorso in residenza a Tempo Reale. Lami ha condotto un lavoro di trascrizione grafica – per mezzo di mobile app utilizzate in modo anomalo e successivamente elaborate digitalmente – a partire da lavori performativi parzialmente improvvisati in diversi ambienti della sede del centro, realizzati con dispositivi a nastro (walkman) in movimento nello spazio, ma avendo un punto di ripresa /ascolto fisso (registratore a bobina). La Foresta mostrerà la più recente evoluzione del suo strumento autocostruito: generando risonanze e vibrazioni su due grancasse mediante l’uso di compressori che spingono l’aria sulle pelli, il Drummophone permette la costruzione di un’architettura di suoni psicoacustici in collisione nello spazio, in antitesi con il concetto di percussione.

    Nell’ambito del progetto RESIDENZE KATE
    Con il sostegno di SIAE – Classici di Oggi 2018 -19

    Il programma Residenze Kate è dedicato alla memoria di Caterina Poggesi, collaboratrice del centro e promotrice del primo programma strutturato di residenze artistiche.

    Ingresso: € 5
    Palazzina Reale, Santa Maria Novella piazza della Stazione 50, Firenze
    festival@temporeale.it, tel. 055717270
    foto © Zoe Cinel