KAGEL_ACUSTICA - Tempo Reale

Iscriviti alla newsletter



    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa sulla Privacy che dichiaro di aver letto e compreso.


    Tempo Reale/Rassegne /KAGEL_ACUSTICA

    KAGEL_ACUSTICA

    images/stories/Festival2008/acustica.jpg

    KAGEL_ACUSTICA

    20 novembre 2008, ore 21:30

    KAGEL_ACUSTICA

    Produzione: Tempo Reale

    Progettazione e drammaturgia: Jonathan Faralli, Francesco Giomi
    Esecutori: Monica Benvenuti, Francesco Canavese, Jonathan Faralli
    Regia del suono: Francesco Giomi, Damiano Meacci

    Mauricio Kagel, Acustica (1968-70), per produttori di suono sperimentali e altoparlanti

    Acustica è presentata da Tempo Reale in un nuovo allestimento per la sala grande di CANGO, come omaggio al grande compositore da poco scomparso. Un’opera che mette insieme musica, teatro, improvvisazione, sperimentazione e nuove tecnologie: uno dei grandi momenti – anche divertenti – della musica di Kagel, proiettata nella ricerca di rapporti nuovi tra compositore, esecutori e nuove tecnologie.
    “Il titolo della composizione vuole essere più di una descrizione decorativa: l’idea principale alla base dei procedimenti musicali è un trattamento non troppo ‘rispettoso’ del materiale acustico. Nella ricerca delle fonti sonore si esprime già questa idea: nuovi strumenti dovevano nascere come completamento di produttori di suono esistenti, ma ci voleva anche lo sviluppo di attrezzi acustici di natura sperimentale, il cui maneggiamento richiede capacità musicali sofisticate. L’ascoltatore si trova quindi davanti a un organico alquanto inconsueto che, al primo aspetto, non sembra un’estensione della gamma degli strumenti sonori, ma soltanto un elemento di rottura con la tradizione. Invece questi strumenti testimoniano alcuni tra i tanti punti nel continuo della produzione del suono che sono ancora da scoprire: strumenti come sintomo di tutto quello che finora non è stato esplorato.” (Mauricio Kagel, 1970)

    Durata: 50 minuti

     

    Immagine: Elisabetta Macumelli