Tempo Reale a AntiCOntemporaneo 2015 - Tempo Reale

Iscriviti alla newsletter



    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa sulla Privacy che dichiaro di aver letto e compreso.


    Tempo Reale/Produzioni /Tempo Reale a AntiCOntemporaneo 2015

    Tempo Reale a AntiCOntemporaneo 2015

    images/DSC_1350_web.jpg

    Tempo Reale a AntiCOntemporaneo 2015

    DSC 1350 web

    Si rinnova anche per l’ottava edizione la collaborazione tra Tempo Reale e l’Homo Armé per “AntiCOntemporaneo. Rassegna di musica antica e contemporanea”. Un doppio appuntamento il 26 giugno al Tepidarium del Roster con musica elettronica ed elettroacustica insieme alla nuova versione del progetto “Canta che ti passa” sui canti del lavoro, avviato nel 2013.

    Venerdì 26 giugno
    Tepidarium del Roster, Giardino dell’Orticultura (via Bolognese 17 Firenze)

    AntiCONtemporaneo 2015
    Rassegna di musica antica e contemporanea. VIII edizione

     
    ore 20
    FRANCESCO GIOMI / MUSICA ELETTRICA
    musiche di Francesco Giomi

    Appuntamento con la musica di Francesco Giomi, di cui è stato da poco pubblicato un CD per l’etichetta Die Schachtel, musicista noto al pubblico anche attraverso il lungo lavoro a fianco di Luciano Berio. Verranno presentati vari brani, sia esclusivamente acusmatici che elettroacustici (uno in prima esecuzione assoluta), con la partecipazione del sassofonista Giovanni Nardi e della voce recitante Maria Caterina Frani.

    ore 21.30
    CANTA CHE TI PASSA
    Meditazione musicale sui canti di lavoro
     
    Ideazione Francesco Giomi, Fabio Lombardo
    Drammaturgia Caterina Poggesi

    L’Homme Armé
    Direzione Fabio Lombardo

    Percussioni Stefano Rapicavoli
    Regia del suono Francesco Giomi, Damiano Meacci

    Produzione: L’Homme Armé e Tempo Reale

    In collaborazione con Istituto Ernesto De Martino

    Nuova versione del progetto inaugurato nel Tempo Reale Festival 2013, che rielabora materiali etnofonici del repertorio dei canti di lavoro. Lo spettacolo, sia pur in una veste estremamente essenziale, si presenta come un meditazione su un mondo ormai scomparso: quando alcuni lavori erano accompagnati o raccontati da canti per bocca degli stessi lavoratori. I canti scelti vengono elaborati sia con gli strumenti elettronici che con versioni polivocali.

    www.hommearme.it