Iscriviti alla newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa sulla Privacy che dichiaro di aver letto e compreso.


Tempo Reale/Collection /ELETTROSHOCK

ELETTROSHOCK

ELETTROSHOCK

Dedicato ai folli. La malattia mentale come condizione esistenziale e disturbo, come privazione della libertà, segregazione. Il progetto indaga il tema della detenzione coatta legata ai problemi psichici. La diversità delle storie e delle voci, testimonianze dirette e tracce di uomini e donne, si fonde con la pluralità sonora del Tempo Reale Electroacoustic Ensemble. La lettura spietata di Pierpaolo Capovilla traccia un percorso interiore che si muove dall’abisso verso una ricerca di libertà, dell’affermazione di sé, volta ad immaginare un nuovo spazio mentale e fisico. All’ensemble e al suo conductor il compito di tradurre in musica questa tensione attraverso una totale improvvisazione continuamente cangiante e mai stabile. Una performance che trova come luogo deputato quello che fu un cortile dell’ex ospedale psichiatrico di San Salvi di Firenze.

Testi liberamente tratti da Succubi e supplizi di Antonin Artaud

1. Atto 1 (12′ 51″)
2. Atto 2 (11′ 06″)
3. Atto 3 (05′ 48″)
4. Atto 4 (14′ 55″)

Durata totale: 44’ 43”

Registrato in presa diretta mercoledì 20 settembre 2017 a San Salvi Città Aperta – Padiglione 16, Firenze

Voce recitante: Pierpaolo Capovilla

TEMPO REALE ELECTROACOUSTIC ENSEMBLE
Conduction: Francesco Giomi
Viola, violino elettrico e live electronics: Michele Foresi
Chitarra elettrica e live electronics: Andrea Gozzi
Basso elettrico e sintetizzatore: Salvatore Miele
Batteria e percussioni: Stefano Rapicavoli
Sintetizzatori: Giorgio Spedicato.

Produzione Tempo Reale, prima esecuzione assoluta Con il sostegno di Estate Fiorentina 2017, in collaborazione con Chille de la balanza SPACCIAMO CULTURE. Mixaggio: Leonardo Rubboli, Giovanni Magaglio, Andrea Gozzi e Francesco Canavese presso Tempo Reale Studio A, Firenze. Mastering: Damiano Meacci presso Tempo Reale Studio A, Firenze. Foto di copertina: Masiar Pasquali.

TRC09