Francesco Bianchi e Carlo Barbagallo | mEiG system - Tempo Reale

Iscriviti alla newsletter



    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa sulla Privacy che dichiaro di aver letto e compreso.


    Tempo Reale/Attività scientifica /Francesco Bianchi e Carlo Barbagallo | mEiG system

    Francesco Bianchi e Carlo Barbagallo | mEiG system

    Francesco Bianchi e Carlo Barbagallo | mEiG system

    Il progetto mEiG system (multimedia Event interactive Generator) è stato sviluppato da Francesco Bianchi e Carlo Barbagallo con il supporto di Tempo Reale all’interno delle borse di ricerca per l’informatica musicale.

    mEiG system nasce per fornire agli artisti multimediali uno strumento di sviluppo, gestione e produzione di progetti che coinvolgono strumenti interattivi (audio, video, physical computing). Con il mEiG è possibile tracciare tutte le fasi del lavoro, dalla concezione alla messa in esecuzione. Si tratta di un sistema di controllo integrato che permette di rappresentare e modellare diverse entità (device) e di definirne il comportamento nel tempo grazie a specifiche configurazioni statiche (preset) e dinamiche (automation). Tali comportamenti e impostazioni possono essere aggregati per l’esecuzione in macrostrutture adatte alla messa in riproduzione (marker/cue).

    Il luogo in cui le entità vengono posizionate è il roll che appare simile a una convenzionale timeline, ma che in realtà permette di gestire le componenti in modo non-lineare: i raggruppamenti (sia a livello di cue che di event – aggregatori di automations) possono essere estrapolati dal contesto globale e gestite come universi temporali a sé. In questo modo la timeline è piuttosto un contenitore di moduli identificati da markers, che possono essere diversamente arrangiati per l’esecuzione (cue list).
    Il mEiG è un sistema distribuito e condiviso, sia in editing che playing-side. Utenti connessi in rete possono visualizzare, apportare modifiche e salvare uno stesso progetto in tempo reale, mentre all’atto dell’esecuzione tutti i messaggi in uscita dal sistema sono formattati come messaggi OSC (Open Sound Control) e instradati verso macchine diverse sulla base di una topologia definita in fase di configurazione (network graph).

    L’attuale implementazione del sistema, che coinvolge tecnologie diverse basate su un’infrastruttura client-server, è ospite di una patch di Max 8 (Cycling74), da cui è possibile gestire le pagine del front-end e installare il server alla pressione di un pulsante.
    Una versione preliminare del sistema è scaricabile dalla pagina github del progetto.